News

Serie D. A tutta D. La giornata di campionato. Retrocede il Forcoli, festeggia la Pistoiese. Lucchese, scappa la prima

Pisa. Dopo 10 anni il Forcoli torna in Eccellenza e probabilmente ripartirà con la fusione assieme alla Pecciolese. In testa allungo della Correggese sulla Lucchese che non va oltre lo 0-0 a Massa. Nel girone E, dopo la festa della Pistoiese, si prospetta un finale con grande bagarre in coda. La Pro Piacenza e il Savoia sono promosse in Lega Pro. Si torna a giocare il 27 aprile dopo la pausa per la Pasqua

Girone D. Era ormai un fatto quasi scontato, ma la retrocessione del Forcoli fa comunque un certo scalpore. Finisce così dopo 10 anni la favola di uno dei paesi più piccoli d'Italia, 2.500 abitanti per la frazione del comune di Palaia, che ha dato filo da torcere anche a squadre e piazze blasonate, sognando per qualche anno anche un clamoroso approdo tra i professionisti. Il 2-0 della Fortis Juventus, in rete i bomber Silvestri e Carnevale, mette la parola fine alle ultime speranze. Gli amaranto salutano comunque a testa alta e con un girone di ritorno di tutto rispetto, dove sono arrivati anche 8 risultati utili di fila; fatale il ridimensionamento estivo e la partenza choc con una squadra imbottita di giovani. Si ripartirà dall'Eccellenza ed è nell'aria la fusione con la Pecciolese, per dare vita ad una compagine competitiva per l'alta Valdera.

 

In testa la Correggese resta sola battendo 2-0 il Mezzolara e approfittando dello 0-0 che la Massese ha imposto alla Lucchese. I rossoneri adesso devono battere in casa proprio il Forcoli, la Correggese va a Massa contro i bianconeri al top nel girone di ritorno, e poi ci sarà lo scontro diretto in Emilia dell'ultima giornata. In zona play-off si riaffaccia anche il Romagna Centro con il 4-1 alla Virtus Castelfranco.

In coda il Palazzolo rischia di non fare i play-out dopo lo 0-0 di Montichiari. Anche il Camaiore dovrà evitare la forbice e il terz'ultimo posto dopo il 2-1 subito dalla Clodiense.  Non basta a Ciardelli la rete del solito Biagini. Il Formigine è quasi salvo, malgrado il 3-0 subito in casa dall'Abano, grazie anche al Fidenza che non è andato oltre l'1-1 in casa di un'Imolese ormai tranquilla. Balzo importante per il Sancolombano che si prende 3 punti a tavolino con il Riccione, tardivamente escluso dal campionato.

 

Girone E. La Pistoiese festeggia la promozione, già acquisita domenica scorsa,  davanti ai suoi tifosi con un 2-2 contro il Flaminia che permette alla squadra di Morgia di salvare l'imbattibilità casalinga. Il Foligno blinda il secondo posto vincendo a Colle Val d'Elsa, portandosi a +6 su l'Arezzo che crolla, per 3-1, anche a Casacastalda.

Un incontenibile Zuppardo rilancia la Pianese con una doppietta a Narni che permette alla squadra di Coppi di mantenere il quarto posto su uno Scandicci straripante, in evidenza Ricciardi, con un netto 5-1 al Fiesole Caldine di Carobbi che  rischia la forbice dei 10 punti dal Bastia, sconfitto in casa dal Trestina nello scontro diretto.

Il Jolly Montemurlo non può essere ancora tranquillo dopo la sconfitta di Ostia, mentre il Sansepolcro è quasi salvo con il 4-2 allo Spoleto. Torna a sperare nei play-out il Deruta con il 2-0 al Pontevecchio che retrocede matematicamente assieme alla Narnese.

 

Giro D'Italia. Dopo Pistoiese e Ancona (girone F) festeggiano anche Pro Piacenza nel girone B e il Savoia nel girone I. Per i piacentini è una storica prima volta e un motivo di rivalsa nei confronti del ben più blasonato Piacenza, quello della Serie A con la famosa lupa nello stemma, staccato di 9 punti e adesso terzo dietro all'Inveruno. Per il Savoia invece è un atteso dopo 13 anni tra i professionisti suggellato da un roboante 7-2 al Licata, già retrocesso e in campo con molti juniores, nello stadio Giraud davanti a 3.500 spettatori.

Non può ancora festeggiare il Giana Erminio nel girone A, ma nonostante la sconfitta casalinga contro il Pro Dronero per 1-0,  il Borgosesia non ne approfitta e viene sconfitto, sempre per 1-0, a Rapallo resta a -5. Nel girone C continua il braccio di ferro tra Pordenone e Marano che vincono entrambe in trasferta e restano incollate con 79 punti. Emozioni anche nel girone H dove il Matera aggancia il Taranto, che riposava , mentre Turris e Real Marcianise pareggiano a San Severo e Monopoli e restano dietro ma sono ancora in corsa. Domenica 27 aprile Marcianise-Taranto potrebbe essere decisiva. Allunga la Lupa Roma nel girone G con il blitz a Cynthia.

 

Andrea Chiavacci

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna