News

Seconda Categoria. Ripescata La Cella. Sorrentino: “La nostra è una scuola di vita e non solo di calcio”

Pisa. Dopo un anno a dir poco travagliato e la retrocessione in Terza categoria, La Cella grazie alla migliore “graduatoria di merito” batte la concorrenza ed è ripescata in Seconda. E pensare che la scorsa stagione era cominciata sotto i migliori auspici, con la fusione tra due società importanti del nostro territorio: il Ghezzano (che portava in dote l’iscrizione alla Seconda categoria) e appunto La Cella, militante da molti anni nei campionati Uisp e di Terza categoria Figc...

Dopo un inizio tra alti e bassi però, la squadra si ritrovò invischiata nella zona play-out del girone E, fino al triste epilogo della retrocessione subìta insieme con un’altra società pisana, il Pappiana.

«L’ufficialità del ripescaggio - dice Luciano Sorrentino - è una bellissima notizia. Avevamo già iniziato a operare sul mercato per approntare la squadra affidata quest’anno a mister Stefano Delli (ex Calci), ma la categoria in più non ci spaventa».

La Cella si allena e gioca presso il Marco Betti di via Fiorentina (fornito di due terreni a 11, uno a 7, uno a 5 e di un campo per gli allenamenti), un impianto che nei progetti della società, dovrebbe diventare punto di riferimento sportivo e sociale delle famiglie residenti nei quartieri San Marco, Sant’Ermete e San Giusto.

Il progetto de La Cella guidata da Luciano Sorrentino difatti non mira solamente ai successi sportivi dei dilettanti, ma anche alla cura dei ragazzi del settore giovanile fuori dal campo.

«In un periodo di disagio come il nostro - continua Sorrentino - La Cella vuole essere una scuola di vita per i giovani e non solo una scuola di calcio. Da quest’anno ho abbandonato il ruolo di allenatore per gestire al meglio le attività della società, sia sportive che sociali».

Sono molti i progetti sulla carta. «Oltre alla Seconda categoria - spiega Sorrentino - appronteremo la squadra Juniores, la serie D femminile, gli amatori Uisp, gli Allievi (1999), gli Allievi B (2000) e gli Esordienti (2003). In più stiamo lavorando alla realizzazione di uno spazio coperto mobile utile ad ospitare il nuovo servizio di doposcuola ed uno sportello d’ascolto. A nostro parere il calcio ha una funzione sociale e La Cella vuole contribuire direttamente nella lotta al disagio offrendo anche servizi non propriamente sportivi».

Per fare tutto ciò servono sponsor e iniziative volte alla raccolta fondi: «Sì - racconta Sorrentino - e grazie anche ai ragazzi della curva nerazzurra abbiamo organizzato diversi progetti: il Memorial Italo Fantoni, una giornata di beneficenza volta all’acquisto di un pulmino, un torneo con in campo le nostre squadre e due formazioni di profughi. Insomma, intorno a La Cella si stanno stringendo tante persone e questo non può far che bene».

Tanto impegno a volte però non è ripagato. «Il nostro lavoro punta alla socializzazione - chiude Sorrentino - ma non tutti la vedano allo stesso modo. Sono stufo dei pregiudizi di alcune persone e delle male lingue. A loro però dico, venite a trovarci e fatevi le vostre impressioni solo dopo averci conosciuto».

La programmazione de La Cella va avanti a ritmo serrato, mentre restano aperte le iscrizioni al settore giovanile. Per info 3454266753

Rosa Seconda categoria 2015-2016: Cateni, Diodati, Shkurti, Mammini, Bianchi, Colavita, Elmi, Morelli, Berretta, Mosti, Nannipieri, Delli, Ferrari, Luperi, Cecconi, Manzella, Meucci, Simili.

Dirigenti: Luciano Sorrentino, direttore sportivo Francesco Sorrentino.

Quadri tecnici: allenatore Seconda categoria Delli, allenatore Juniores Cartacci, allenatore Allievi Condelli, allenatore Allievi B Rossi, allenatore Esordienti Buccheri.

 

Carlo Palotti

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna