News

Lega Pro. Pisa-Maceratese, riviviamo la giornata di festa nerazzurra [video]

Pisa. Ripercorriamo anche in video, la giornata vissuta dai tifosi pisani in occasione del match con la Maceratese. La giornata del tifo nerazzurro si è chiusa con il Pisa in festa sotto la curva nord. Il lungo pomeriggio degli sportivi pisani era iniziato presto, circa due ore prima del match valido per i quarti di finale play-off. La squadra, infatti, verso le 14 era stata accolta in via Piave da un migliaio di tifosi, pronti a sostenere e a fare sentire la propria vicinanza ai nerazzurri...

 

 

Tante le iniziative a margine dell’incontro, come il banchetto della Lilt (Lega italiana per la lotta contro i tumori) che metteva in vendita il libro “Avanti Gianlu” del tifoso pisano conosciuto per la sua battaglia personale contro un tumore. «Siamo qua – dice Letizia, coautrice del testo insieme a Gianluca – per raccogliere fondi in favore della sezione pisana della Lilt. I tifosi nerazzurri hanno risposto bene. Il ricavato delle vendite sarà utilizzato per comprare un videodermatoscopio, utile nella prevenzione del melanoma».

L’Arena Garibaldi, piena in ogni ordine di posti, ha offerto il consueto spettacolo delle grandi occasioni. In curva nord, fin da subito, ha campeggiato uno striscione a sostegno del “parco di Mau”, mentre in campo, poco prima del fischio d’inizio, i ragazzi del settore giovanile nerazzurro hanno mostrato uno striscione in favore del Pisa Football College.

Lo stadio ha vissuto momenti di forte emozione quando in gradinata è stato issato uno striscione con su scritto “Ciao fratello Albe”, in memoria di Alberto Contini, il noto dirigente sportivo di 37 anni scomparso pochi giorni fa.

Iniziata la gara, anche la Nord ha voluto dare la carica ai ragazzi di Gattuso. Sui gradoni sono apparsi due striscioni, il primo recitava “Per tutta la vita nel mio cuore sarai”, il secondo, chiudeva con “Forza Pisa lotta… Non ti lascerò mai”.

Il match è andato via veloce e senza troppe emozioni fino al 38’, quando Crescenzi di testa, ha fatto esplodere in un colpo la tensione accumulata dal pubblico pisano. Nella ripresa i tifosi nerazzurri hanno poi esultato per il raddoppio di capitan Mannini, ma la vera festa è iniziata solo a poco dalla fine, quando Peralta appena entrato, ha calato il tris valido per il passaggio del turno.

Anche fuori dall’Arena Garibaldi la tensione pre gara, ha lasciato spazio agli abbracci e alla gioia. Tra i più felici e vitali troviamo Antonio Marchetti: «Ero arrivato al campo – racconta – con la tensione accumulata in questi giorni di avvicinamento alla gara. Ora me ne vado a casa felice e contento a vedere Pordenone-Casertana, per scoprire contro chi dovremo giocare in semifinale. Devo dire la verità, fino a ieri non ero molto convinto della squadra, ma oggi i ragazzi hanno dato tutto e mi hanno convinto. Vamos».

Pian piano anche nelle strade circostanti allo stadio torna la calma. Un'altra pagina di storia del calcio pisano è stata scritta, la speranza è che il Pisa possa acchiappare il sogno della promozione e riportare in città l’allegria e la gioia provata oggi pomeriggio.

 

Carlo Palotti

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna