News

Prima Categoria. Ecco il Fornacette 2015-2016. In panchina c’è mister Lazzerini, in attacco bomber Balestri. Squadra fatta per vincere!

Pisa. Con una cena informale presso il Bagno Italia di Marina di Pisa, il Fornacette ripescato in Prima Categoria Toscana dopo avere vinto i play-off del girone E, si è presentato ai media con tante novità. La squadra del presidente Marco Lisi sarà supportata anche quest’anno dalla Geu Impianti di Enrico Lenzi, uno sponsor di rango, capace nella passata stagione di dare a tutto l’ambiente la solidità necessaria per raggiungere l’obiettivo della promozione. Il Fornacette 2015-2016 sarà una squadra competitiva, guidata in panchina da un mister di categoria superiore come l’ex Cenaia Gabriele Lazzerini...

Importanti anche i colpi di mercato assestati dal nuovo Ds Paolo Ricci. Oltre ai confermati Centofanti, Banchelli, Giani, Bertelli, Ferrucci, Pardossi e Parentini; arrivano a Fornacette diversi calciatori di spessore come l’ex Urbino Taccola Rummolo, l’ex Serie D classe ’94 (Sestri Levante) Pellegrini, l’ex Ghivizzano Salvini, l’ex San Miniato Fuschetto, l’ex Urbino Taccola Randi ed il giovane (classe ’95 ex Ghivizzano) Saviozzi.
Ciliegina sulla torta l’ingaggio dell’ex Forcoli Federico Balestri, classe ’79 e sicuro protagonista in attacco dei ragazzi di mister Lazzerini.


«Contagiato dalla carica di Enrico Lenzi - dice il tecnico Gabriele Lazzerini - ho abbracciato il progetto Fornacette con entusiasmo e con voglia di fare bene. Abbiamo da sviluppare dei progetti precisi e sono molto contento della rosa costruita dal Ds Paolo Ricci. L’obiettivo è chiaro ed è inutile girarci troppo intorno, vogliamo vincere».
Scendere in campo per vincere ogni domenica però non è mai semplice…
«È vero - continua Lazzerini - ma dobbiamo calarci tutti subito in categoria con umiltà e rispetto dell’avversario, per impattare al meglio con un campionato sulla carta difficile. Faremo il massimo per portare il Fornacette più in alto possibile».
Quali saranno le contendenti del Fornacette?
«Credo che alla fine ce la giocheremo con tre o quattro società - conclude Lazzerini - ma dovremo puntare anche alla Coppa. Insomma, saremo impegnati su due fronti e non lasceremo niente al caso».


Protagonista della scalata al calcio regionale dei fornacettesi è sicuramente Enrico Lenzi, che con la forza di Geu Impianti, nella stagione 2014-2015 ha dato nuove prospettive alla società.
«Ringrazio il gruppo dirigente - dice Lenzi - che ha saputo, grazie alla programmazione, far salire la squadra in Prima Categoria. La cena di stasera è un punto di partenza importante, che rimarca il buon lavoro fatto anche in sede di mercato. Sono arrivati prima di tutto degli uomini».
In attacco vi siete aggiudicati le prestazione di bomber Federico Balestri…
« - racconta Lenzi - ma voglio ringraziare prima di tutto Di Rosa, che da quest’anno collaborerà a stretto contatto con la squadra. Balestri è una garanzia, l’uomo giusto per il nostro progetto di crescita sportiva».


In sede di mercato ha lavorato sotto traccia il nuovo direttore sportivo Paolo Ricci, uomo di calcio con tanta esperienza alle spalle: «Per arrivare alla vittoria - spiega - servono un mix di elementi: società, mister e i giusti interpreti. Di concerto con il mister abbiamo operato in un contesto di prim’ordine, portando a Fornacette ragazzi ex Serie D ed Eccellenza. Di sicuro i campionati non si vincono con i fenomeni, ma servono le giuste motivazioni ed il sapersi calare in categoria. Partendo dallo zoccolo duro, la rosa è stata poi rinforzata con calciatori di qualità ed esperienza».


L’ultimo a prendere la parola è il presidente Marco Lisi, che in 15 anni insieme ad altri dirigenti storici, ha visto crescere e sviluppare il Fornacette.
«Da un paio d’anni e con l’arrivo di solidità economica - chiude Lisi - gli obiettivi societari sono cresciuti. A Fornacette stiamo creando qualcosa di mai visto, la collaborazione tra una società professionistica come l’Ac Pisa 1909, la sua Scuola Calcio, ed una società dilettantistica come la nostra. Per questo vogliamo raggiungere le categorie regionali più alte, anche per dare sfogo un giorno ai circa 400 ragazzi che stanno crescendo in nerazzurro dietro di noi».

 

Carlo Palotti

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna