Commenti

Pisa S.C. - Audace Isola d'Elba 4-3, 2ª Giornata

Grande rimonta e vittoria del Pisa S.C.

 

 

IL TABELLINO

PISA S.C.: Minuti, Elmi, Ghelardoni, Fuschetto, Garagano, Luperi, Vestri, Timpani, Appolloni, Bargi, Aliotta; a dis. Pioli, Monrreale, Mosti, Filippi, Mencacci, Di Cianni. All. Taccori.

  

AUDACE ISOLA D'ELBA: Cantucci, Meloni, Palomba, Amato, De Giulli, Testi, Falcone, Caselli, Cavaliere, Ferrini, Cali; a dis. D’Aniello, Regano, Modica. All. Miliani

 

ARBITRO: Luciano di Pontedera.

RETI: 20’ Ferrini, 50’ Testi, 69’ Cavaliere, 70’ Timpani, 76’ Appolloni, 82’ Di Cianni, 94’ Mencacci.

LA CRONACA

 

Il Pisa S.C. vince per 4 a 3 sull’Audace Isola d’Elba al termine di una partita incredibile e risoltasi quattro minuti dopo lo scadere del tempo regolamentare.

Dopo un primo tempo in cui gli ospiti passano in vantaggio grazie ad una punizione di Ferrini (20’); nella seconda frazione di gioco sono ancora gli isolani a rientrare in campo con più grinta e a raddoppiare su rigore di Testi al 50’. I neroazzurri non riescono a reagire e al 69’ vanno sotto di tre reti su incornata di Cavaliere bravo a liberarsi del proprio difensore e toccare sotto porta; i giochi sembrano fatti ma la risposta d’orgoglio dei ragazzi di Taccori ancora deve arrivare: la prima scossa la da Timpani al 72’, seguito quattro minuti dopo (76’) da Appolloni che deve solamente spingere in rete l’ottimo assist di Di Cianni. A questo punto la formazione di S. Giuliano inizia a crederci veramente pareggiando i conti all’82’ con un super Di Cianni. Il signor Luciano di Pontedera vista l’espulsione di Testi dell’Audace all’85’, da ben sei minuti di recupero; tempo nel quale il Pisa Sc concretizza la rimonta e va a vincere grazie alla rete (94’) di Mencacci.

LE INTERVISTE

A fine gara le dichiarazioni di un soddisfatto Taccori, che ancora non si capacita di essere riuscito a ribaltare l'esito di una partita che sembrava segnata: «È stata una partita difficile da decifrare. Loro si sono trovati in vantaggio di tre gol senza fare molto e presentandosi qui con un'unica punta. Nei primi venti minuti del primo tempo abbiamo fatto la partita e da una punizione sulla trequarti siamo andati in svantaggio; nel secondo tempo abbiamo iniziato sulla falsa riga del primo e su rigore ci siamo trovati sotto di due gol, subendo il terzo su azione dubbia.

Insomma, a quel punto nonostante il tre a zero siamo ancora ripartiti accorciando poco dopo e riuscendo a pareggiare nel giro di dodici minuti. Nei venti minuti finali abbiamo anche colto un palo ed impegnato a più riprese il loro portiere tanto che il pareggio iniziava a starci stretto; e detto fatto Mencacci all’84’ ha segnato il gol partita. Sul tre a zero non ci speravo più, ma per noi sarebbe stato un risultato troppo pesante per ciò che avevamo mostrato in campo; la vittoria mi ha entusiasmato».


 

 

 

Carlo Palotti

Sorgenti Labrone - Pisa S.C. 3-1, 1ª Giornata

Sorgenti tutto cuore e corsa

Il Pisa S.C. sconfitto 3-1 a Livorno

 

IL TABELLINO

SORGENTI LABRONE (4-4-2): Brilli, Domenici, Celeste, Nudi, Marchini, Califano, Tanozzi, Conti, Di Tanto, Mirabelli, Marchi. A disp.: Betti, Alla, Scardigli, Bertelli, Martelli, Bartolini, Mattei. All.: Calistri.

PISA S.C. (4-4-2): Minuti, Ghelardoni, Aliotta, Fuschetto, Elmi, Giorlando, Vestri, Garagano, Luperini, Di Giacomo Antonio, Rosignuolo- A disp.: Pioli, Mosti, Appolloni, Mencacci, Filippi, Luperi, Timpani. All.: Taccori.

ARBITRO: Dell'Erario di Livorno
RETI: 35’ Celeste, 46’ Luperini, 49’ Di Tanto, 63’ Marchi.

La prima di campionato non sorride ai neroazzurri di Taccori che al termine di un incontro tempestato di espulsioni, cedono per 3 a 1 di fronte ad un Sorgenti Labrone tutto cuore e corsa.

Nei primi minuti succede poco sia per le cattive condizioni del terreno di gioco che per il vento fastidioso che sferza su Livorno: il Pisa SC prova a farsi vedere dalle parti di Brilli collezionando 6 angoli nel giro di pochi minuti senza riuscire però a concretizzare l’enorme mole di gioco sviluppato. Le due formazioni sono messe in campo con moduli speculari, il Pisa SC punta tutto sugli esterni, mentre la Sorgenti si affida ai rilanci dalle retrovie ed alla velocità del proprio terminale d’attacco.Al 20’ la prima occasione: angolo dalla destra per il Pisa e pallone che arriva sui piedi di Rosignuolo ben posizionato al limite, Birilli devia sopra la traversa; sei minuti (26’) ed il Labrone risponde con una punizione di Marchi ben controllata da Minuti. L’incontro sembra avviarsi al termine del primo tempo sulla situazione di pareggio e solamente una punizione da 25 m di Celeste riesce a rompere l’equilibrio chiudendo la prima frazione di gioco sull’1 a 0 per i padroni di casa.

Nella ripresa i due allenatori ripropongono gli stessi schieramenti d’inizio gara, un minuto (46’) ed il Pisa pareggia i conti con Luperini bravo a farsi trovare pronto sotto porta a seguito di una punizione dalla sinistra. L’esultanza della punta neroazzurra però non piace al direttore di gara: seconda ammonizione e Pisa SC in dieci. Neppure il tempo di riprendersi che i ragazzi di Taccori vengono nuovamente sorpassati (49’) da una splendida rovesciata in area di Di Tanto bravo a districarsi tra due avversari e ad indirizzare sul palo più lontano. A questo punto i giochi sono fatti: al 62’ tiro improvviso di Nudi con Minuti che si salva in fallo laterale, un minuto (63’) e Marchi ricevuta palla in area trafigge per la terza volta l’estremo difensore neroazzurro. Nel finale c’è da segnalare l’espulsione di Di Giacomo Antonio per la beffa finale del Pisa SC.


Carlo Palotti