Interviste

Speciale Porta a Piagge - Le parole del Presidente

Anche il Presidente,Riccardo Lazzeri , ha voluto esprimere tutta la propria soddisfazione. Ecco quali sono state le parole del numero 1 del Porta a Piagge:

<<Diciamo che la vittoria degli Juniores è una grande soddisfazione per tutto l’ambiente e costituisce uno dei primi traguardi da quando io sono qua. Conquistare un regionale è una cosa molto piacevole sia per noi che per le tante persone che vengono qua a dedicare il loro tempo libero e che chiedono di essere ripagati non solo con i risultati ma soprattutto col rispetto.>>

Lazzeri ha speso delle belle parole anche nei confronti dell’allenatore, mister Lombardi, e del suo vice:

<<L’allenatore con il suo staff ha fatto un ottimo lavoro durante tutto l’anno creando un gruppo bello e compatto>>

Il Presidente ha voluto inoltre sottolineare l’importanza dei valori anche nel mondo dello sport:

<<Una cosa importante che voglio sottolineare è stato il raggiungimento della Coppa Disciplina perché per noi aldilà del gruppo e delle persone è importante che questi ragazzi stiano bene insieme. Per noi i valori nel mondo dello sport sono una necessità e siamo convinti che i risultati più importanti possano arrivare soprattutto grazie a un gruppo di persone che vivono la loro passione con convinzione e con tanta voglia di fare.

Purtroppo nella vita spesso capita che ci sia molto impegno e pochi risultati, proprio per questo credo che sia importante impostare un campionato provinciale prima di tutto nel rispetto e nell’educazione, specialmente nei confronti degli arbitri. Spero che questi ragazzi portino dentro di sé questo impegno, magari con ancora più convinzione grazie alla vittoria di questo campionato.

Ecco, quello che credo sia importante per noi è poter continuare su questa strada grazie al lavoro ma soprattutto al rispetto reciproco.>>

Speciale Porta a Piagge - Le parole del mister

Intervista a Mister Lombardi

In occasione dell’ultima partita del campionato Juniores e in esclusiva per Offside, mister Lombardi ha rilasciato un’intervista in cui ci ha raccontato, passo dopo passo, quelle che sono state le ambizioni della squadra e i momenti più importanti di questo campionato.
Ecco quanto evidenziato dall’allenatore del Porta a Piagge:

Mister, come è nata questa squadra?
La base della squadra è stata quella dello scorso anno in cui siamo arrivati terzi, in più sono arrivati dei ragazzi molto giovani del 90. La prospettiva era quella di vincere entro 2 anni il campionato, è successo subito e per noi, logicamente, è stato ancora meglio. Strada facendo ci siamo accorti che eravamo avanti e ci siamo giocati il tutto per tutto. Sono stati straordinari i miei ragazzi, il campionato è stato lunghissimo ed è durato da metà Settembre sino ad ora, periodo in cui i miei non hanno mai mollato.

Quali sono state secondo lei le avversarie più agguerrite in questo campionato?
Diciamo che, a parte l’ultimo periodo in cui alla fine qualcuno ha mollato perché avevamo già vinto il campionato, la Bellaria e il Cenaia ci hanno dato filo da torcere, così come altre squadre più locali come il Calci e lo Scintilla. Queste squadre sono state sempre a poca distanza da noi, poi negli ultimi tre mesi abbiamo preso un certo vantaggio che ci ha permesso di stare più tranquilli.

Quale è stata secondo lei la partita decisiva, quella che ha segnato le sorti del campionato?
La nostra forza non è stata una singola partita quanto la continuità nei risultati, a parte l’ultimo mese in cui abbiamo perso due partite, precedentemente ne avevamo persa soltanto una e questo è stato molto importante.

Quale sarà l’obiettivo del prossimo anno?
L’anno prossimo affronteremo una categoria in cui ci saranno avversari di valore molto diverso, sicuramente saranno squadre più forti e molto agguerrite, quindi sarebbe già importantissimo riuscire a mantenere la categoria. Di conseguenza cercheremo di creare una squadra trattenendo buona parte di questi ragazzi Juniores e cercando di rinforzarla con dei ragazzi del ‘91 che saranno al limite d’età inferiore. Il nostro obiettivo sarà dunque quello di salvarci il prima possibile.